Other things:

:: Cronology
:: Merchandising
:: Bandcamp
:: Facebook
:: Wikipedia
:: Soundcloud
:: YouTube

:: CONTACTS






The Sparkling Christmas

Kontakte + Sparkle in Grey - Live @ Arci Blob: X-Mas Concert

(Arcore, Arci Blob, 25/12/06)



:: quattro Remagi soli, in anticipo di due ore::

Eccoci qui, ore 18:00, in una strada buia e deserta di Arcore, nel giorno di Natale. Il locale dove dovremmo suonare, l'Arci Blob di Arcore, è chiuso. Come tutti gli altri del resto.
Io, Franz, Alberto e Cris ci chiediamo se ci hanno presi per il culo, se abbiamo capito male, se ci siamo inventati tutto. Non avendo numeri di telefono di nessuno di quelli con cui dovremmo suonare, non ci resta che aspettare.

Qui, fermi in strada, ci raccontiamo cosa s'è mangiato a pranzo. Una macchina rallenta per chiedere informazioni, ma riparte senza neppurea abbassare il finestrino. In effetti non devono sembrare molto rassicuranti quattro individui vestiti di nero in una strada vuota, nel giorno di Natale, come quattro tetri Remagi fuori posto. Decidiamo così di chiuderci nella macchina di Franz, dove, accesa l'autoradio, beffarda ci assale la canzone "Se sei bravo, ti tirano le pietre..." e via così. Con gli animi uccisi dalla situazione surreale, ci lasciamo avvolgere dalla musica in silenzio, rotto solo dalla frase di Franz "Non credo dimenticherò facilmente questo momento."

A un certo punto ecco un'auto che si ferma: sono loro, i Kontakte, il mitico gruppo di folli (furiusciti dagli ancora più mitici Tasaday) che ha organizzato tutto questo. Si scusano per il ritardo e mi informano di un cambio programma: faremo il soundcheck alle otto, perché è a quell'ora che qualcuno ci aprirà il locale.
Loro suoneranno nella stanza di sopra, ed han gia quasi tutto pronto, mentre noi li seguiamo un po' sconsolati alla prospettiva di aspettare ancora.


:: self-made soundcheck ::

Finalmente qualcumo arriva, così iniziamo a montare. Mario, l'uomo mixer, tarda ancora, così per un po' facciamo da soli, forse complicando le cose, e così sarà solo per le dieci passate, dopo l'arrivo di Mario e altri aiuti, che finiremo il souncheck e saremo pronti per gli agognati tortelli.
Ovviamente sono agognati solo da me, che di tutti sono l'unico ad aver fatto un pranzo decisamente parco, così, mi ingozzo anche della porzione di Alberto, bevo due birre e finalmente anch'io percepisco la pesantezza natalizia.

Per fare un po' festa, ho anche portato dei mini regalini per gli Sparkle in Grey, tre CD, uno più idiota dell'altro: musica in tedesco per bimbi da 0 a 2 anni per Alberto (che vorrebbe insegnare musica ai piccoli), la colonna sonora del prigioniero di Zelda per il Cris (mega appassionato di cinema) e un misterioso CD dei Beatles con tale 'Tony Sheridan', che io credevo essere il famoso Beatles pre-Ringo, per Franz (che troppo spesso cerca di chiamarsi fuori dal gruppo, rischiando di mangiarsi poi le mani per tutta la vita).

Incrocio qualche vecchio inaspettato amico, ma non sono in vena di parlare piu di tanto: sono quasi le 23:00, e' ora di suonare.


:: la cover band degli Sparkle in Grey ::

Dopo un po' che suoniamo avverto una strana sensazione... ora a posteriori la identifico con il fatto forse di sentirmi esecutore dei brani... mi sembra di fare cover di un altro gruppo. Forse ricordo tutto troppo bene, forse è colpa anche della scelta di fare tutti i brani del disco filato cosi com'è. mi ricorda gli Ex-Lion Tamers, quel gruppo che si portavano in giro i Wire e che rifacevano, dal vivo, tutto Pink Flag, compreso il tempo per girare il disco.
Cosi, perversamente, inizio ad avere la sensazione che la musica sia piu o meno indifferente a tutti. Il fatto e anche che sono tutti seduti su sedie, e non mi pare tengano il tempo manco con il piede...

Fatto sta che è con ostinzione che arriviamo alla fine comunque. Si chiude Delusion Song, scendo dal palco, sorridiamo, applausi. Siamo abbastanza soddisfatti del live, nonostante un fastidioso delay sul violino di Franz e una sparizione della chitarra di Cris nel finale, come gli accade spesso in quel brano.

Qualche amico ci fa dei complimenti sinceri, altri si dileguano imbarazzati, altri ancora esprimono dubbi.

Vendo perfino qualcosa e mi preparo per andare di sopraper i Kontakte, che al mio arrivo hanno appena iniziato.


:: Kontakte ::

Ora per la prima volta vedo anche il mitico Theta, che troneggia in giacca e gambe larghe tra Stefano e Sandro.
I suoni sono gia bellissimi, spietati 4/4 articolati sulle tracce di compositori contemporaei "prese tali e quali!", mi spigava con entusiasmo oggi Sandro. Mi piacciono da morire, perfino piu di quanto mi aspettasi, anche perche' vederli è proprio uno spettacolo. Per certi aspetti si vede tutta la loro esperienza ventennale.

Theta tiene sotto controllo parecchie macchine, si siede si alza, accenna a ballare con la testa, si vede che se la gode. Non da meno Stefano, la cui testa bianca dondola a ritmo, con veri e propri headbangs quando ci sono gli stacchi più decisi. Ogni tanto si guarda alle spalle per sbirciare il video che (ci dirà poi) non ha mai visto. Purtroppo c'e un cavo che - pare un gioco di patore - non fa contatto, cosi quando le vibrazioni salgono, l'immagine se ne va. Ad ogni modo, quello che si vede fa sia da degno corollario esplicativo alla musica (con nomi e ritratti degli autori sulle cui musiche stanno suonando), sia da 'aggiunta', con vecchi filmati in bianco e nero che hanno al tempo stesso un'effetto evocativo e, quando filtrati, psichedelico.

Bellissimo.


:: il Natale è finito ::

Ci complimentiamo con i Kontakte, scambiamo il nostro disco con un loro DVD e torniamo nella calca al piano di sotto.
Cris e' gia andato via assieme a cugino, sorella e madre, queste ultime di certo le piu soddisfatte della nostra performance.
Ora che sbaracco e ringrazio i miei sodali di musica, i Kontakte e il solito mitico Mario tuttofare, ripenso all'entusiasmo e alla gioia sincera proprio di Delia, la mamma di Cristiano. Per certi aspetti è la piu grossa soddisfazione di cui potremmo godere per questo bizzarro concerto di Natale.
Per il resto, vedremo piu avanti, con la speranza d'esser ancora qui a suonare tra vent'anni, come i Tasaday.

Hue, 26 dicembre 2006


Le foto sono di Drex.

PS: un altro report della serata è su Drexcode.