Other things:

:: Cronology
:: Merchandising
:: Bandcamp
:: Facebook
:: Wikipedia
:: Soundcloud
:: YouTube

:: CONTACTS






Alberto Carozzi: his musical experience before Sparkle in Grey


(Italian only, sorry)

I Sortie Nation sono nati nel 1952.
No.

Credo nel '95. cercavano un bassista, io mica suonavo il basso, però mi piacevano i Sonic Youth e così hanno insisitito. allora sono scappato dal colloquio alla Candy e sono andato a comprare il basso. Mi hanno assunto sia i sortie nation sia la Candy.
"Il valzer" è l'unica testimonianza dell'esperienza, disco postumo che peraltro contiene l'opera omnia della band, registrazioni in studio, al Silos, e dal vivo.
Gran disco.
Formazione Elena Moreo voce, Lorenzo Stanzani chitarra e a volte basso, Fabio Presti chitarra, Alberto Carozzi basso e a volte chitarra e una volta voce, Rosaria Uricchio batteria.
Stabiliscono un primato, tre concerti in tre settimane al Bloom di Mezzago, e i Pulp_ito si mangiavano il cappello.

Nel '98 Fabio e Elena lasciano il gruppo, gli altri tre vanno avanti, nel '99 Alberto Carozzi lascia la Candy, gli altri 500 vanno avanti.
Alberto vuole fare il gruppo strumentale, gli altri no. Così cercano un cantante.
Alberto vuole allungare i brani, gli altri dicono va bene, che rompicoglioni che sei però.
Alla fine del '98 il primo brano è pronto, si chiama '99 è strumentale e dura venti minuti. presentato dal vivo la notte di Natale al Basel di Oreno suscita scalpore e scandalo e entusiasmo. Va beh diciamo che non passa inosservato.
Il gruppo resta senza nome finchè non si trova il cantante, Fulvio Montalbano, che per fare colpo su Lorenzo si finge uno studente di lingua giapponese, per fare colpo su Rose si veste in stile dark trendy e per fare colpo su Alberto canta poco.
Il suo piano ha successo.
Il gruppo si chiamerà Yakudoshi, per fare colpo su Fulvio.
Nel 2000 registriamo "Amygdala", minialbum o più correttamente chiamiamolo demo,  quattro pezzi. Registrazione presso Sound Workshop a Monza. mix e mastering affidati a  Fabio Magistrali, a casa sua in campagna pavese, una di quelle sere la Francia ci infila un golden gol
Nel 2002 realizziamo "Al Diavolo che ha allietato i nostri giovani giorni" registrato e mixato da Amaury Cambuzat presso Saiappave a Mezzago, era agosto.
Nel 2086 verrà riconosciuto come oscuro album seminale dell'indierock italiano. Nel frattempo ognuno prende la sua strada.

Nel '97 c'è un'altra tappa degna di nota. I Ribens, Marco Gaudesi chitarra e voce, Alberto Carozzi basso, Marco Bonanomi detto il pera, batteria.
Due prove e un concerto, sempre la notte di Natale, sempre al Basel, poi manca il coraggio per continuare.